Il mondo della scuola sta costruendo il curricolo di Educazione civica, anche attraverso l’integrazione interdisciplinare, che potrebbe dare vita anche ad un nuovo curricolo in Educazione civica ambientale. Per strutturare tale percorso didattico, è essenziale un collegamento con il mondo esterno, con le realtà operanti sul territorio e con il coinvolgimento
delle famiglie e della cittadinanza.
In questo percorso si è voluto focalizzare una riflessione su due aspetti fondamentali della crisi ambientale interpretandoli come cardini su cui fare leva per intervenire sull’ambiente secondo la visione trans-disciplinare del sistema società-cultura-economia-ambiente.
Il primo aspetto riguarda la relazione tra lo stato di salute del suolo, la biodiversità – specie nell’agricoltura e nell’alimentazione – ed il cambiamento climatico. Viene anche evidenziata come la risorsa economica del “capitale naturale” con il suo sistema circolare rigenerativo di beni e servizi, possa risultare un’occasione di gestione virtuosa e sostenibile dell’ambiente e del territorio.
Il secondo aspetto focalizza l’importanza del valore etico proprio alla problematica ambientale, nella cifra che descrive i valori identitari del Paesaggio, in una visione di ecologia integrata e trasversale tra arte e sostenibilità, scienza e bellezza, comunicazione e comportamenti responsabili.
Abbiamo pensato di proporre questo breve percorso secondo una logica a diversi livelli. Da una parte come occasione di confronto interno, anche con il coinvolgimento di gruppi di studenti dell’Istituto. Dall’altra come occasione di formazione e aggiornamento per i docenti, considerando anche l’altissimo profilo dei relatori.
Per la partecipazione occorre iscriversi attraverso la Piattaforma Sofia (codice 55783)

Condividi sui social
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email